martedì 8 maggio 2012

AFERTIME. IL RISVEGLIO - Sophie Littlefield

Reazioni: 

Primo volume della saga scritta da Sophie Littlefield.
Lo scenario nel quale si svolge la nostra storia è uno scenario post apocalittico. Una guerra chimica si è scatenata nel pianeta e ha distrutto quasi tutta la flora esistente.
Il Governo, cercando di porre rimedio al problema, ha realizzato in laboratorio una nuova pianta, capace di fornire tutti gli elementi nutritivi necessari. Purtroppo, però, non si capisce per quale motivo, è stata distribuita anche una forma mutata di questo vegetale, la cosiddetta “foglia blu” attraverso la quale si è diffuso un  virus che ha attaccato gran parte della popolazione. Il virus si manifesta all’inizio con una febbre alta che, se non uccide le vittime, le trasforma in esseri abominevoli, una sorta di zombie che si cibano della loro stessa pelle e di quella degli sfortunati che capitano sotto le loro grinfie. Questi pseudo zombie vengono chiamati “carcasse” e trasmettono la loro malattia esclusivamente attraverso la saliva infetta.
Proprio la nostra protagonista, Cass, è stata attaccata dalle carcasse e, in quel frangente, ha perso la cognizione di tutto e il contatto con la sua piccola Ruthie, la quale, al momento dell’attacco si trovava insieme a lei.
Ma accade qualcosa di strano, dopo mesi o settimane forse, Cass si risveglia dal torpore. Il suo corpo è cosparso di ferite , soprattutto sulla schiena, ma sta guarendo. Le sue iridi hanno preso la colorazione chiarissima di quelle delle carcasse, ma lei adesso è in via di guarigione, com’è possibile?
Cass si incammina quindi alla ricerca della figlia e durante il tragitto si imbatte in una comunità di umani che inizialmente non si fidano di lei , ad eccezione però di Smoke  il quale, mosso da qualcosa che lo spinge verso Cass, decide di aiutarla e buttarsi insieme a lei in un’avventura molto rischiosa quale quella di andare in giro alla ricerca della piccola Ruthie.
Durante il loro cammino Cass e Smoke si avvicinano sempre di più tra loro, forse spinti da necessità fisiche inizialmente, ma qualcosa si risveglia in loro, il barlume di quello che “Prima” (così viene chiamato il mondo antecedente all’attacco) le persone definivano “amore”.
I due si imbattono in varie comunità e aggregazioni: i Ricostruttori, le adepte del Convento ecc. e in tante persone che li aiutano a superare alcune difficoltà.
Insomma, attraverso un racconto del tutto fantastico l’autrice immagina come potrebbe essere il mondo se tutto dovesse ricominciare daccapo, se non ci fossero dei governi, delle organizzazioni. Osserviamo il ritorno al baratto, il piacere delle piccole cose e dei piccoli gesti. E’ vero, probabilmente quello che ci mostra è un mondo a pezzi, un mondo nel quale il più forte sottomette il più debole senza dover rispondere a nessuno dei gesti compiuti. Ma è anche un mondo nel quale la piccola solidarietà scalda il cuore, un mondo nel quale veder nascere un fiore o una fogliolina su un albero, fa crescere nelle persone un sentimento profondo di speranza.
A tratti le scene descritte sono molto crude e crudeli, ma non tanto da stupirci perché immagino che persino oggi, da qualche parte, i soprusi sulle persone arrivino a livelli estremi.
Tirando le somme un romanzo da leggere se si ama il genere, scrittura scorrevole che coinvolge.

3 commenti:

HermioneGinny ha detto...

Sembra interessante! Ultimamente sono attratta dagli scenari post-apocalittici...

Grazia ha detto...

Beh! Francy, è un amore-odio perchè mi fanno spesso rabbia gli abitanti

HermioneGinny ha detto...

Grazia, libro appena finito, mi è piaciuto parecchio, anche se il finale aperto mi ha lasciato parecchie domande!
Non trovo più il post su FB, perciò te lo chiedo qui: lo rimando direttamente a te, giusto? :)

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting