sabato 25 febbraio 2012

LA MASCHERA BLU -Concetta Spadaro

Reazioni: 
More about La maschera bluHo atteso questa giornata per pubblicare la recensione di “La maschera blu” poiché proprio oggi è il compleanno della sua autrice per cui colgo l’occasione per porgere i miei e i nostri auguri a Concetta Spadaro.
Incipit:  Fiocchi di neve simili a minuscole farfalle cadevano leggeri dal cielo grigio seguendo traiettorie imprevedibili.
La storia narrata in questo romanzo è una storia che potremmo definire comune, ma ha una sua semplicità e delicatezza che la caratterizza.
Cinzia è una ragazza comune, vive a Torino e lavora presso uno studio di consulenza fiscale. Ma, come per molti di noi accade, a volte la vita fa apparire davanti ai nostri occhi  nuove strade da percorrere e solo il nostro istinto o il nostro coraggio possono far sì che decidiamo, alla fine, di intraprenderne una piuttosto che un’altra.
Non voglio parlarvi in questo commento della storia d’amore finita, di quella probabile e di quella con finale da fiaba che si succederanno agli occhi del lettore, posso invece dire che è molto interessante la parte del romanzo riguardante i misteri della Torino magica. Misteri che ci vengono raccontati e svelati dalla stessa protagonista durante un tour per il centro della città.
Poi ho trovato molto intenso il rapporto tra Cinzia e la sua gatta Lea e, senza anticipare nulla, dirò solo che mi ha commosso profondamente in alcuni suoi tratti.
Infine ho trovato davvero bella la figura dell’anziano signore accompagnato dalla sua cagna Dora, non vi dirò di chi si tratta, ma posso aggiungere che ha dato al romanzo un tocco di magia e di speranza.
Ho chiesto a Concetta Spadaro come mai conosce così bene Torino e lei mi ha risposto:
“A Torino ci ho vissuto per 4 anni. E' in questa città che ho completato gli studi e mi sono diplomata, quindi la conosco abbastanza bene e ci torno quasi ogni anno. Sapevo poco della Torino "magica" che mi ha sempre affascinato e per il libro ho fatto delle ricerche apposite, osservando poi "dal vivo" e con attenzione la maggior parte dei monumenti che descrivo”.
Le chiedo inoltre se questo romanzo è in parte autobiografico, lei dice “In tutti i personaggi dei miei libri c'è sempre un pò di me, delle sensazioni che ho vissuto in maniera diretta o indiretta. Nello specifico è autobiografico il rapporto che Cinzia ha con la sua gatta”.
Infine le domando cosa bolle adesso in pentola e lei risponde “In cantiere ho un nuovo romanzo che è già delineato nella mia mente, ma che ho da poco iniziato a mettere nero su bianco. Non so se vedrà mai la luce perchè sto incontrando molte difficoltà a far conoscere "La maschera blu". Purtroppo è lo scotto che si paga quando si pubblica con piccole case editrici... Diventa difficile pubblicizzare il libro che non viene esposto nelle librerie e la gente è troppo pigra per andarlo ad ordinare, almeno questa è la realtà che ho vissuto io”

La ringraziamo e approfittiamo per dirle di continuare a mettere le sue storie nero su bianco, in ogni caso è bello farlo. Un grosso in bocca al lupo!






Condividi

0 commenti:

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting