martedì 3 luglio 2012

JANE E IL SEGRETO DEL MEDAGLIONE - Stephanie Barron

Reazioni: 
More about Jane e il segreto del medaglione
Incipit: Una festa del bel mondo, se descritta da una penna più abile della mia, , è invariabilmente lo stupido raduno di due o trecento anime accalcate in un aristocratico salotto.
In questa nuova avventura la nostra amata Jane si ritrova a partecipare, indossando un costume da pastorella, ad un ballo in maschera presso l’abitazione dei Trowbridge, allo scopo di accompagnare e seguire la giovane Lady Desdemona, nipote dell’enigmatico amico di Jane, tale Lord Harold, la quale si è trasferita a Bath dopo aver rifiutato la proposta di matrimonio del bel conte di Swithin.
Nel bel mezzo della festa, però, un omicidio sconvolge gli animi degli invitati. Infatti Mr Portal, direttore della compagnia del teatro locale, nei panni di un Arlecchino bianco,  viene trovato cadavere presso uno dei salotti della nobile dimora. 
Accanto al corpo c'è il fratello di Lady Desdemona ed ha tra le mani un pugnale che dice di aver estratto dal corpo della vittima, ma il magistrato non crede alla sua versione e lo arresta. 
Intanto però il giovane ha sottratto all’uomo un medaglione che era stato lasciato sul suo corpo come firma dell’assassino e che consegnerà a Lord Harold, convinto in tal modo di salvare dalle ingiurie la sorella. Il medaglione, infatti, reca il ritratto di un occhio di donna (moda usuale del momento) e quello raffigurato è grigio come lo sono gli occhi di Lady Desdemona.
Jane e Lord Harold si mettono subito in moto e grazie al loro spirito di squadra riusciranno a giungere alla soluzione del caso, naturalmente.
Forse questa avventura è meno entusiasmante rispetto alle precedenti, qui vediamo una Jane un po’ rassegnata al suo destino, ma pur sempre arguta e ironica, a volte con una punta di amarezza aggiungerei.
Tanti i personaggi: davvero antipatiche le sorelle del conte di Swithin, divertente l’anziana Miss Wren, quasi un puffo brontolone della situazione. Cassandra, sorella di Jane, si dimostra forse un po’ troppo bigotta e moralista e non riesco a giustificarne il comportamento come invece fa la protagonista. Lord Harold è molto enigmatico, un personaggio tormentato che ha molte affinità con la nostra Jane, mi ricorda un po’ il Rochester di Jane Eyre…
In definitiva lettura piacevole resa tale da una scrittura scorrevole e mai banale arricchita da tanti riferimenti reali alla vita di Jane Austen

0 commenti:

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting