giovedì 12 aprile 2012

DRACULA - Bram Stoker

Reazioni: 
More about Dracula
Ho rimandato parecchie volte la redazione di questo commento al romanzo di Bram Stoker, non perchè non avessi idea di cosa scrivere, bensì perchè ho voluto trovare un attimo di tempo per scriverlo con calma.
Inizio col dire che da anni mi riproponevo di leggere quest'opera che da tanti amici ed amiche mi era stata caldamente raccomandata, io, però, ormai mi conosco, devo trovare il momento giusto per la lettura di un romanzo. Ed ecco quindi che anche il tempo di Dracula è arrivato.
Incipit: Diario di Jonathan Arker. 3 maggio. Bistrita. -  Lasciata Monaco alle 20.35 del primo maggio, arrivato a Vienna la mattina seguente di buon'ora...Budapest sembra un posto meraviglioso...
Inizia così, con tanti buoni propositi e col cuor leggero, l'avventura di Jonathan Arker, giovane avvocato recatosi in Transilvania per ordine del suo capo e su richiesta del Conte Dracula.
Tutto il romanzo è scritto in forma di diario (ma contiene anche alcune lettere) e non solo quello di Arker, ma troviamo anche il diario di Mina Murray, nonchè le lettere di  Lucy Westenra, il diario del Dott. Seward ecc.
Incontriamo nel romanzo personaggi caratteristici ed indimenticabili come il Professor Van Helsing, il primo a capire quale fosse la malattia che stava uccidendo la dolce Lucy, il primo a riconoscere in tutte le tristi vicende la firma del Vampiro. Ma facciamo altresì la conoscenza di folli visionari come Renfield, paziente zoofago del Dott. Seward e passepartout del Conte.
La storia si fa leggere ed è molto scorrevole, in realtà non ci sono momenti che fanno letteralmente "tremare di paura", ma è certo che, ogni volta che si chiude il libro rimane nell'animo del lettore una sensazione di inquietudine. Lo leggevo di sera e quando mettevo il segnalibro tra le pagine per andare a dormire ero costretta ad accendere tutte le luci.
La trama credo sia abbastanza nota (nel caso si conosca la storia attraverso il film di Coppola si è di certo molto fuori strada): Il conte Dracula decide di trasferirsi a Londra per mietere nuove vittime tra una popolazione più cospicua, meno preparata e più aperta ai nuovi incontri. A tale scopo  si avvale dei servigi di uno studio legale (quello per il quale lavora il giovane Jonathan Arker) e lascia la sua dimora imbarcandosi e portando con se numerose casse di terra recuperata all'interno delle mura del proprio castello (l'unica terra sulla quale può riposare). Una volta a Londra la sua prima vittima sarà Lucy Westenra, amica della bella e intelligente Mina, promessa sposa di Jonathan. 
Da questo momento, un pò alla volta e grazie all'aiuto del professor Van Helsing, i protagonisti della storia prenderanno coscienza dell'esistenza del vampiro, male puro che può assumere anche sembianze diverse da quelle umane. Gli eroi del romanzo intraprenderanno quindi una lotta contro il male e (non vi svelo il motivo del perchè) anche contro il tempo. Vincerà il bene sul male? 
La stesura di Dracula fu intrapresa da Stoker nel 1895 e, inizialmente, non ebbe il successo sperato. E' molto interessante conoscere la vita di questo autore, un uomo pieno di brio e di voglia di fare, per nulla una persona cupa come quest'opera potrebbe farci pensare...
Dal testo:
*La solidarietà pur non potendo mutare i fatti può renderli più sopportabili
*Oh amico John, è un mondo strano, un mondo triste, un mondo pieno di miserie e dolori e guai, eppure quando arriva la Regina Risata, fa ballare tutti alla sua musica
*Ho speranza che i nostri cervelli-adulti, che sono appartenuti all'uomo per così tanto tempo e non hanno perso la grazia di Dio, saranno più forti del suo cervello-bambino che da secoli giace nella tomba, e che opera soltanto egoisticamente e dunque è piccolo
Condividi

0 commenti:

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting