lunedì 12 aprile 2010

Accabadora - Michela Murgia

Reazioni: 
Il tema trattato in questo romanzo d'esordio della Murgia è l'eutanasia.
Così dicendo si immagina di trovarsi davanti ad una stori pesante e troppo impegnativa. Ma questa volta ero caduta in errore.
La protagonista del romanzo è Bonaria Urrìa, anziana donna della Sardegna degli anni '50. Agli occhi della sua fill'e anima, Maria, la Tzia Bonaria è una sarta, ma, nella realtà, tutti sanno che la  donna è molto meglio nota in paese per essere l'Accabadora, ossia colei che accompagna alla morte, l'ultima madre.
In un racconto breve di sole 160 pagine, la scrittrice riesce a scatenare nel lettore una miriade di sensazioni, di domande e anche di risposte.
Ho apprezzato molto la scrittura della Murgia la quale con semlici tratti riesce a rendere chiaramente le caratteristiche di tutti i  personaggi e dei luoghi. Pare di sentire gli odori dell'uva e dei dolci che vengono preparati nelle cucine delle donne sarde.
Anche se il tema è l'eutanasia, fa da protagonista della storia la colpa, quella conosciuta e quella segreta, quella per aver commesso un atto e quella per avervi assistito.
Una delle frasi più belle di Bonaria Urrìa è "Non dire mai: io di quest'acqua non ne bevo", un  caposaldo della mia filosofia di pensiero :-)

0 commenti:

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting