lunedì 8 novembre 2010

Cui prodest? - Danila Comastri Montanari

Reazioni: 
Roma, inverno dell'anno 46 dopo Cristo. Un efferato assassino si accanisce sugli schiavi della domus di Publio Aurelio. È un sicario crudele, intelligentissimo, senza pietà. I suoi obiettivi prediletti sono gli omosessuali, ma, di tanto in tanto, non disdegna neppure vittime eterosessuali.
Chiamato a investigare, gli unici indizi che Publio Aurelio riesce a raccogliere sulla scena del crimine sono un'orma insanguinata a forma di ricciolo e una pedina di latrunculi, gli antichi scacchi romani. Davvero poco per intuire un movente, seguire una pista, identificare un colpevole. Publio Aurelio, però, non ha scelta: deve giocare il tutto per tutto e smascherare l'assassino prima che torni a colpire per l'ennesima volta.
In questo episodio Publio Aurelio dimostra un grande attaccamento agli schiavi che vivono in casa sua, si sacrifica per loro e arriva addirittura a travestirsi ed andare a lavorare in condizioni difficilissime pur di arrivare all’assassino.
E’ molto toccante la considerazione che viene fatta circa il rapporto tra padroni e schiavi di un tempo remoto in cui costoro trascorrevano insieme tutta la loro esistenza e si veniva a creare un rapporto quasi familiare tra i servitori ed il proprio padrone. Ai tempi di Aurelio, invece, gli schiavi vengono ceduti e acquistati di continuo e ciò porta ad una totale impersonalità del rapporto e alla mancanza di attaccamento tra gli uni e gli altri. Insomma la Comastri Montanari fa un parallelismo col mondo del lavoro attuale nel quale i rapporti di lavoro si riducono a mere collaborazioni, meri contratti di “do ut des” senza alcuna anima.
Ma tornando alla nostra storia, dopo aver valutato mille diverse possibilità, naturalmente il nostro Senatore giungerà ad una conclusione. Molto interessante il rapporto di odio-amore con la sua nuova schiava, Delia, donna ribelle e indipendente. E che dire di Scapola? Il nuovo giardiniere terrore di tutte le aiuole?
Infine in questa avventura incontreremo anche Fedro e assisteremo ad una lettura pubblica delle sue favole, lettura proposta e patrocinata dallo stesso Senatore Stazio.

0 commenti:

Ultimi commenti

 

TUTTELELETTURE Copyright © 2011 Design by Ipietoon Blogger Template | web hosting